lunedì 24 settembre 2018

Integrazione, la risposta intelligente di Mechelen in Belgio

Nella nostra Europa impaurita e pronta ad alzare muri contro i migranti, esiste una città che negli ultimi 17 anni è andata controcorrente ed oggi si trova a vivere un risultato bellissimo, che dimostra che l'integrazione e la vita insieme tra persone e culture diverse è non solo possibile, ma anche economicamente e socialmente vantaggiosa.

Si tratta della cittadina di Mechelen in Belgio, nel cuore delle Fiandre, che grazie a un sindaco illuminato, si è trasformata, da un luogo insicuro forse nel luogo più sicuro d'Europa.

Eppure in quella cittadina di 80.000 anime vivono insieme persone di 130 popoli e nazioni diverse. 

Nel 2001 Mechelen aveva il tasso di criminalità più alto in Europa il partito di estrema destra era al 32%, gli imprenditori e la classe media lasciavano la città.

In 17 anni, grazie all'azione di un Sindaco, è fortemente diminuita la criminalità, è aumentata la sicurezza, è in corso un processo di sviluppo economico importante e il partito di estrema destra oggi è all'8%.

Quest'uomo, 54 anni, si chiama Bart Jozef Lodewijk Rosalia Somers; è Sindaco  di Mechelen dal 2001 ed è membro del partito di centro destra dei Liberali e Democratici Fiamminghi Aperti.

Dunque non un uomo di sinistra, nè un "comunista"; una persona legata ai valori della destra liberale, che si definisce un vero nazionalista, ma che si è dimostrato soprattutto un uomo intelligente e innovativo, uscendo da pregiudizi e sterotipi inutili, ma puntando e investendo nella qualità della vita di tutti gli abitanti di Mechelen.

La città in questi anni è molto migliorata, come affermano gli stessi cittadini del Belgio, che sono contenti di questo processo di integrazione.

Somers ha dimostrato e sta dimostrando con i fatti che dove c'è maggiore accoglienza, naturalmente nel rispetto delle regole, e ponendo le condizioni che questa accoglienza sia funzionale alla vita della comunità, l'intregrazione è più facile e soprattutto ha un effetto positivo sulla vita di tutte le persone. 

Nel giorno in cui in Italia si approva il decreto "sicurezza e immigrazione" dunque dando al tema dell'immigrazione una valenza improntata, anche da un punto culturale, all'illegalità, mi sembra bella la risposta che un uomo di destra fornisce alla nostra intelligenza.

Il Sindaco Somers alle paure che erano presenti nella sua città ha risposto in vario modo: con una forte maggiore presenza di polizia in città (il Sindaco in Belgio è il capo della polizia che opera nella sua città), con l'aumento di telecamere nei punti strategici e il loro controllo vero 24 ore al giorno, ponendo obbligatoria la conoscenza della lingua fiamminga con corsi gratuiti per tutti, contemporaneamente rinnovando i quartieri più poveri e popolari abitati principalmente da migranti, rinnovando gli spazi pubblici, investendo in centri sportivi, aprendo centri nei quartieri dove si fa doposcuola a tutti i ragazzi (chiunque essi siano). Infine Mechelen è una città che ha investito tanto nel decoro urbano, perchè la pulizia, il decoro, sono elementi che ci fanno percepire una città più vivibile e sicura. 

Ha aperto in tutti i quartieri i Woopunt spazi dove ci sono tutti gli uffici comunali e si danno molti servizi a favore dei residenti, coinvolgendo direttamente i cittadini. Somers dice: "non basta la repressione, occorre investire nel sociale, e noi abbiamo messo soldi e investimenti nei quartieri più poveri. Così si fa integrazione".

Tutto questo lo potete vedere sul video di Presa Diretta della Rai dal titolo "La città si cura" che è un invito per ciascuno di noi che abbiamo delegato troppo solo alla politica la cura della città, non sentendole più come uno spazio dove vivere e fare relazione.

Perchè la differenza più grossa sta proprio qui, nella relazione. Quando manca la relazione, il diverso fa paura, rinchiusi come siamo dentro noi stessi. E pensiamo che con un decreto e con una legge si possa risolvere il problema.

Guardate quel video, a Mechelen sembra di essere su un altro pianeta, con tanti cittadini (stranieri e belgi) coinvolti nella cura della città. 

Una speranza anche per noi. 

Questo il link del video:  goo.gl/ErcN4f

La piazza principale di Mechelen

Il Sindaco Somers

Uno dei Woopunt di Mechelen






Nessun commento:

Posta un commento

L'Open Arms e la scuola di Barbiana. Quando in politica prevale il me ne frego sull'I Care

L'open Arms e quanto sta ancora accadendo all'interno di quella nave non rappresenta la sconfitta delle 107 persone che sono ancora...