mercoledì 15 agosto 2018

Perchè aprire un blog

Amo leggere, mi piace scrivere e mi appassiona la vita della società dove vivo.

Aspetti di me che mi spingono alla riflessione su ciò che accade in questo nostro mondo e che si uniscono al bisogno di poter esprimere il mio personale pensiero, nel rispetto di quello degli altri.

Elementi che caratterizzano la nostra libertà, che si legano anche al modo di affrontare le questioni, dove l'altro non è il nemico da vincere, ma la persona con cui provare a camminare e confrontarsi.

Siamo in un  tempo invece dove molti amano trovare il proprio nemico per dare valore al proprio modo di pensare; cercare, spesso con toni semplicisti e immediati, soluzioni che sono invece complesse e che richiedono prima di tutto una approfondita conoscenza.

Credo sia il grande dramma della politica di oggi e di conseguenza anche della nostra società, dove si è smesso di leggere e di pensare con la propria testa, dove la verità viene cercata e data sui social, dove si ha bisogno della risposta che ci rassicura perchè non sappiamo più vivere nel dubbio e nell'incertezza.

C'è dunque il mio personale cammino che si lega al cammino di chi lungo la strada si incontra, che porta in sè sogni e speranze che possono influenzare le mie idee e le attuali convinzioni.

Questo blog vuole racchiudere i miei pensieri e le mie riflessioni di oggi e di domani, in questo pezzo di strada, più o meno lungo che ancora vivo e vivrò, cercando non nemici, ma casomai compagni di viaggio.





2 commenti:

L'Open Arms e la scuola di Barbiana. Quando in politica prevale il me ne frego sull'I Care

L'open Arms e quanto sta ancora accadendo all'interno di quella nave non rappresenta la sconfitta delle 107 persone che sono ancora...